Natura morta con carta da parati, 2015

Scultura

 

corrosioni su lastre di rame, inchiostro e rosa di Gerico
40 x 50 cm ognuno

L’ombra – la memoria – degli oggetti, in questo caso l’ombra del motivo decorativo di una classica carta da parati corrosa sulla lastra di rame, è riecheggiata dalla rosa di Gerico, elemento vivo che respira nell’opera. La rosa di Gerico, è una rosa che vive nel deserto che protegge i semi e ne previene la dispersione prematura. I semi dormienti rimangono vitali per anni. Quando bagnata, i rami si allargano e i semi vengono dispersi dalla pioggia battente. In ore questi germogliano e danno vita alla nuova generazione. Il processo di ripiegamento e distensione dei rami è totalmente reversibile e può avvenire molte volte. Per questo viene detta ‘pianta della resurrezione’. La sovrapposizione tra vita e morte, decoro e natura, enfatizza il confine labile nel gioco vita/morte proprio di ogni Still life.